Quali sono gli elementi nutritivi secondari e la loro importanza per le piante.

Come abbiamo già accennato nei blog precedenti, gli elementi nutritivi sono divisi in 3 gruppi :

  • Macronutrienti : azoto, fosforo e potassio (N, P e K).
  • Elementi secondari: calcio, zolfo, magnesio e silicio (Ca, S, Mg e Si).
  • Micronutrienti: ferro, rame, manganese, molibdeno e zinco (Fe, Cu, Mn, Mo e Zn).

Sebbene gli elementi secondari abbiano questo nome, non è perché siano meno importanti dei macronutrienti, sono altrettanto importanti, l'unica cosa è che le piante ne hanno bisogno in quantità minore per il loro sviluppo , ma una carenza di questi elementi può causare fisiopatie (malattie) nelle piante a causa del loro squilibrio .

Parleremo di quali sono le principali funzioni di questi elementi nelle piante:

  • Calcio (Ca):
    • Promuove l' allungamento (allungamento) delle cellule vegetali , dando struttura alle pareti cellulari.
    • È coinvolto nei processi di apertura e chiusura degli stomi .
    • Fa parte dei processi di assorbimento di altri nutrienti .
    • Partecipa a vari processi enzimatici e ormonali nelle piante.
    • Protegge le piante dalle alte temperature, fa parte dei processi di termoregolazione.
    • Ha un effetto diretto sulla protezione delle piante dalle malattie poiché rinforza le pareti cellulari e riduce le attività enzimatiche che possono causare malattie.
    • Aiuta anche a migliorare la qualità dei frutti .
  • Zolfo (S):
    • È un costituente di alcuni amminoacidi , quindi è essenziale per la sintesi proteica.
    • Un elemento essenziale per il processo di fotosintesi in quanto fa parte di uno degli enzimi necessari per la formazione della clorofilla .
    • Fa parte dei processi di produzione degli oli vegetali.
    • Ha una funzione fondamentale nel metabolismo dell'azoto .
  • Magnesio (Mg):
    • Un elemento essenziale per il processo di fotosintesi in quanto fa parte della composizione della molecola di clorofilla .
    • È coinvolto nella sintesi e nella formazione delle proteine .
    • Fa parte dei processi di sintesi di carboidrati e lipidi .
  • Silicio (Si):
    • Interviene nei meccanismi metabolici di regolazione dei nutrienti .
    • Aumenta le sinergie tra gli elementi nutritivi .
    • Riduce gli antagonismi nutrizionali (un elemento riduce l'assorbimento e l'assimilazione di un altro).
    • Riduce l'assorbimento di elementi che potrebbero diventare fitotossici.
    • Si accumula nell'epidermide delle strutture vegetali (foglie, fusti, frutti), rinforzando, indurendo e allo stesso tempo rendendo le piante più elastiche:
      • Protezione contro stress idrico e shock termico .
      • Migliora il comportamento post-raccolta dei frutti , rendendoli più resistenti alla manipolazione, al trasporto e ai marciumi associati.
      • Ha un effetto diretto contro le malattie .

   Come avete visto nella descrizione delle funzioni degli elementi secondari nelle piante, stiamo parlando di un ampio elenco e per esemplificarne alcune ne daremo alcuni dettagli:

Carenza di calcio nei pomodorini gialli

   Per carenze di calcio , nella coltivazione del pomodoro. Questa carenza appare come una macchia nera alla base dei pomodori, comunemente nota come "Peseta", "Culillo", "Tapa", "Narrow" o " Blossom end rot " e tecnicamente chiamata " Blossom end marciume ". Inoltre, una mancanza di calcio provoca la rottura dei frutti se c'è un cambiamento improvviso o un calo delle temperature, combinato con la mancanza di acqua.

   Per quanto riguarda le carenze di Magnesio , sono visibili sulle foglie delle piante, presentando generalmente clorosi interveinali (ingiallimento) e macchie rossastre sulle foglie vecchie. Come abbiamo spiegato in precedenza, il magnesio fa parte della clorofilla, quindi una carenza di questo elemento ridurrà l'efficienza della fotosintesi nelle piante.

   Inoltre, d'altra parte, lo Zolfo oggi ha un ruolo fondamentale in agricoltura per combattere le malattie , sia applicato da prodotti a contatto (zolfo in spolverata) che applicato da prodotti sistemici (fanno circolare il prodotto all'interno del pianta). Applicando lo zolfo, ha dimostrato di agire in modo preventivo (prima della comparsa della malattia) e curativo (una volta che la malattia è già comparsa) in modo efficiente contro le malattie fungine . Ad esempio, nelle colture di lattuga è molto comune la comparsa di Sclerotinia o Botrytis (malattie fungine), che si diffondono rapidamente attraverso la coltura. È stato dimostrato che l'applicazione di zolfo sistemico dall'inizio della coltura come mezzo preventivo, riduce drasticamente e addirittura elimina l'incidenza di queste malattie, soprattutto se questa malattia è comparsa in precedenza in quella zona di coltivazione e il terreno non è stato disinfettato.

   Per quanto riguarda il Silicio , per lo più non ci sono carenze associate a questo specifico elemento , il suo contributo al programma in abbonamento migliorerà l'assorbimento degli altri elementi nutritivi , evitandone le carenze.

Avere una pianta in buon equilibrio è la chiave per un'ottimale assimilazione degli elementi secondari.

   L'equilibrio della pianta è il fattore più importante da tenere in considerazione. Gli elementi secondari possono essere molto disponibili per la pianta, ma è il suo equilibrio che determinerà la sua capacità di assimilarli.

Il C. Ayurveda Pack di YUKHA ha un impatto molto importante

Il C. Ayurveda Pack di YUKHA ha un impatto molto importante sull'assorbimento dei nutrienti da parte delle piante, poiché la sua applicazione aiuta sia le piante che i terreni o substrati ad essere ben bilanciati, migliorando secondo il principio ancestrale di la VRIKSHAYURVEDA dell'equilibrio pianta-suolo-acqua-aria .

   Ti consigliamo di applicare i 5 prodotti del Pack C. Ayurveda abbinati al tuo consueto programma di fertilizzazione , così, senza rompere la testa e senza dover fare calcoli molto complicati, potrai evitare di bloccare gli elementi nutritivi nel terreno, minimizzando carenze e fisiopatie associati a questi.

   Come lo zolfo, YETRA serve a prevenire e combattere le malattie . Può essere utilizzato anche sistemicamente (applicato in modo radicolare per circolare in tutta la pianta) o in applicazione fogliare per trattamenti di contatto (ha anche un effetto sistemico ma questa applicazione è più orientata al trattamento delle parti aeree delle piante). Vale la pena ricordare che lo zolfo non è più considerato un trattamento ecologico, ma YETRA, essendo un prodotto formulato solo ed esclusivamente con oli essenziali purificati abbinati ad estratti vegetali, è rispettoso al 100% con l'ambiente e innocuo per la salute umana e animale . Ad esempio, una delle malattie delle radici più comuni nella coltivazione della cannabis è il Fusarium, un fungo filamentoso che può causare la perdita di un gran numero di piante. Con le applicazioni di irrigazione YETRA è possibile prevenire la comparsa di questo fungo e persino curarlo (debellarlo) una volta che è già apparso nel collo delle piante, purché l'infezione sia nelle fasi iniziali dell'infezione.

Anna, S.

Copyright di Yukha

Tradotto dal testo originale in spagnolo da Yukha

Unisciti a noi sui social network Facebook Twitter Instagram Pinterest

Magnesio nelle foglie della pianta

Magnesio nelle foglie della pianta

Piante in ottima salute grazie al C. Ayurveda Pack di YUKHA

Piante in ottima salute grazie al pacchetto Ayurveda YUKHA

Commenti (1)

    • Eliana yamileth agapito saba
    • 2020-10-14 00:32:11
    Es muy bueno

Nuovo commento

Utilizziamo i cookie per analizzare la tua navigazione e migliorare i nostri servizi, ma anche per condividere contenuti sui social network.

Continuando la navigazione, si accetta il loro utilizzo. Per rifiutare, clicca qui Per accettare, clicca sul pulsante sottostante.