Qual è il miglior  substrato per la produzione ricreativa?

La traduzione web del testo originale in (inglese, francese, spagnolo) da parte di Yukha potrebbe contenere alcuni errori e malintesi. Ci scusiamo per tale inconveniente.

Non c'è dubbio che il miglior substrato di cocco sia utilizzato dai professionisti dell'orticoltura.

In effetti, gran parte della produzione in serra viene ora effettuata su substrato di cocco al 100%.

Le esigenze dei professionisti sono molto precise e riguardano soprattutto un ottimo rapporto tra ritenzione idrica e presenza di aria.

I substrati di cocco sono costituiti da una miscela di particelle spugnose e fibre più o meno lunghe.

  • Più fibre contiene il substrato, minore è la sua ritenzione idrica. Questo aspetto renderà particolarmente complicata la gestione dell'irrigazione.
  • Più piccole sono le particelle spugnose, maggiore è il rischio di sedimentazione del supporto.

Test del substrato di cocco al 100% da parte del team Yukha

La domanda che ti stai ponendo è: come faccio a sapere se il mio substrato di cocco è di buona qualità, la risposta è semplice: contatta direttamente un produttore o il rappresentante diretto di un produttore e non esitate a fare domande tecniche al tuo fornitore come le seguenti per le quali indichiamo anche i valori desiderabili.

  • Qual è la ritenzione idrica del tuo substrato di cocco in litri / kg?
  • Valore desiderabile: tra 6,5 e 7 litri / kg
  • Qual è la dimensione minima delle particelle?
  • Valore desiderabile: 0,8 mm
  • Qual è la% fibra corta?
  • Valore desiderabile: tra il 5 e il 7%
  • Qual è il tasso di materia organica?
  • Valore desiderabile: minimo 98%
  • Qual è la data di fabbricazione del prodotto?
  • Valore desiderabile: massimo 18 mesi

Un buon substrato deve garantire una buona disponibilità di acqua, ossigeno e sostanze nutritive.

Un buon substrato deve garantire una buona disponibilità di acqua, ossigeno e sostanze nutritive.

  • La disponibilità di acqua dipenderà dalla capacità di ritenzione e rilascio del supporto
  • La disponibilità di aria dipenderà dalla dimensione delle particelle e dalla consistenza del substrato
  • La disponibilità di nutrienti dipenderà dalla capacità di scambio cationico del substrato

Per aiutarti senza la tua scelta dei substrati, abbiamo preparato per te una tabella comparativa che presenta le principali caratteristiche fisico-chimiche di ciascuno di essi:

Tabella comparativa che presenta le principali caratteristiche fisico-chimiche di ciascuna di esse

Le principali qualità del tuo supporto per un risultato migliore:

  • Permette di proteggere le piante da eccessive variazioni di pH
  • Ha un alto tasso di aerazione (questo tasso deve essere mantenuto nel tempo)
  • Possiede una significativa riserva idrica utile
  • Ha una capacità di scambio cationico media
  • È ecologico
  • È biodegradabile

Riassumiamo le principali qualità e principali difetti dei substrati inorganici e organici:

  • Perlite
    • Le sue qualità:
      • Ben ventilato
      • Leggera
      • Riutilizzabile
      • Buona capacità drenante
    • I suoi lati negativi
      • Non proprio ecologico perché richiede grandi quantità di energia per la sua produzione
      • Nessun effetto tampone e bassissima ritenzione idrica.
    • Conclusione
      • La perlite viene utilizzata principalmente nelle miscele o nei sistemi idroponici
      • Piuttosto, è consigliabile utilizzarlo come miscela per migliorare substrati organici di qualità molto bassa.

  • Vermiculite
    • Le sue qualità
      • Utile ritenzione idrica buona
      • Bassa densità
      • Elevata capacità di scambio cationico
    • I suoi lati negativi
      • Scarsa ventilazione
      • Non proprio ecologico perché richiede grandi quantità di energia per la sua produzione
      • Bassa capacità di drenaggio
    • Conclusione
      • La vermiculite viene utilizzata principalmente in miscela o in sistemi idroponici (si consiglia di miscelarla con perlite su base 50/50 nel sistema idroponico)
      • Come la perlite, è consigliata piuttosto come miscela per migliorare substrati organici di qualità molto bassa, ma attenzione alla sua elevata ritenzione idrica e alla scarsa ventilazione.

  • Lana di roccia
    • Le sue qualità
      • Utile ritenzione idrica buona
      • Ottima ventilazione
      • Buona capacità drenante
    • I suoi lati negativi
      • Capacità di scambio cationico zero
      • Non proprio ecologico perché richiede grandi quantità di energia per la sua produzione
      • Molto inquinante, non riciclabile
    • Conclusione
      • La lana di roccia, ancora utilizzata dai professionisti dell'orticoltura, viene progressivamente abbandonata a favore di substrati organici e principalmente a base di cocco mesocarpo.
      • La lana di roccia viene utilizzata esclusivamente nei sistemi di produzione idroponici al 100%
      • La lana di roccia non è riciclabile e la stragrande maggioranza dei produttori ricreativi l'ha abbandonata a favore del cocco.

  • Palle di argilla, sabbia e ghiaia
    • Le loro qualità
      • Ottima ventilazione
      • Nessun rischio di sedimentazione 'tranne che per la sabbia)
      • Ottima capacità drenante
    • I loro difetti
      • Capacità di scambio cationico zero
      • Nessun effetto buffering
      • Quasi nessuna ritenzione idrica utile (ad eccezione della sabbia)
      • Pesante (eccetto per le palle di argilla)
    • Conclusione
      • Questi 3 substrati vengono progressivamente abbandonati a favore dei substrati organici perché il loro utilizzo è molto restrittivo e non perdona alcun errore.
      • Le palline di argilla, che richiedono molta energia durante la loro fabbricazione, non corrispondono più all'ideale dei produttori ricreativi consapevoli dell'inquinamento legato all'uso di questo substrato.

  • Segatura
    • Le sue qualità
      • Substrato organico da fonti rinnovabili
      • Buona capacità di scambio cationico ma attenzione al pH
      • Buona ritenzione idrica utile
    • I suoi lati negativi
      • Rischi di asfissia delle piante
      • Rischi di saturazione dell'acqua
      • Rischio di elevato consumo di azoto che porta all'ingiallimento delle piante
      • Instabilità del pH e difficoltà nella regolazione della fertilizzazione
    • Conclusione
      • Questo substrato non viene quasi mai utilizzato nelle produzioni ricreative perché è difficile gestire la concimazione.
      • Il punto più importante è che è quasi impossibile conoscere con precisione la reale composizione della segatura. Il substrato può quindi essere chimicamente molto instabile.

  • Torba
    • Nonostante le loro molte qualità, non dovremmo più usare questo substrato che è raro oggi. Il suo utilizzo va contro ogni coscienza di tutela ambientale.

  • Il suolo
    • Le sue qualità
      • Substrato organico da fonti rinnovabili
      • Buona capacità di scambio cationico ma attenzione al pH
      • Buona ritenzione idrica utile
    • I suoi lati negativi
      • Rischi di asfissia delle piante
      • Rischi di saturazione dell'acqua
      • Se il terreno non è "maturo" c'è un rischio significativo di elevato consumo di azoto che provoca l'ingiallimento delle piante.
      • Instabilità del pH e difficoltà nella regolazione della fertilizzazione
    • Conclusione
      • Questo substrato è ampiamente utilizzato nelle produzioni ricreative ma è difficile da gestire la fertilizzazione
      • Se si utilizza questo supporto, sarà necessario assicurarsi che il supporto sia ben mineralizzato e ben stabilizzato perché altrimenti può essere chimicamente molto instabile.

  • Cocopeat e fibre di cocco
    • Questi substrati saranno oggetto di un blog più dettagliato ma possiamo riassumere le caratteristiche principali come abbiamo fatto per altri substrati inorganici e organici.

Cocopeat e fibre di cocco

  • Le loro qualità
    • Substrato organico da fonti rinnovabili
    • Buona capacità di scambio cationico
    • Ottima ritenzione idrica utile
    • Ottima capacità di ventilazione
  • I loro difetti
    • Fonti di approvvigionamento incerte
    • Rischio di saturazione dell'acqua se la proporzione di piccole particelle (<1 mm="" troppo="" alta="" li="">
    • Drenaggio molto insufficiente se la proporzione di piccole particelle (<1 mm="" li="">
    • Difficoltà nella regolazione delle irrigazioni se il substrato è di qualità insufficiente
  • Conclusione
    • I substrati di cocco sono oggi i più utilizzati in tutto il mondo perché hanno dimostrato la loro assoluta superiorità
    • Il problema maggiore deriva dalla qualità delle fonti di approvvigionamento e questa attività economica ha attratto molte persone a scapito del mantenimento della qualità.
    • Tuttavia, i substrati di cocco hanno ancora un futuro luminoso perché hanno dimostrato la loro grande superiorità tecnica e la loro perfetta armonia con una certa consapevolezza della tutela dell'ambiente.

In un futuro blog, YUKHA approfondirà l'utilizzo dei substrati di cocco nell'agricoltura professionale e condividerà nel dettaglio la sua passione per questo prodotto che, non dimentichiamolo, proviene principalmente dall'India….

Yukha!

Unisciti a noi sui social mediaFacebookGorjeoInstagramPinterest

Yukha Copyright

Coltivazione in serra su substrato 100% cocco.

Commenti (0)

Nessun commento in questo momento.

Nuovo commento

Utilizziamo i cookie per analizzare la tua navigazione e migliorare i nostri servizi, ma anche per condividere contenuti sui social network.

Continuando la navigazione, si accetta il loro utilizzo. Per rifiutare, clicca qui Per accettare, clicca sul pulsante sottostante.