Panoramica sulla cannabis terapeutica

   Molti paesi alla fine decidono di condurre esperimenti sull'uso della cannabis medica. È un modo incoraggiante che, normalmente, dovrebbe aiutare molti pazienti ad alleviare i loro dolori in base alle loro patologie. Questi sono quelli contro i quali i soliti antidolorifici sono inefficaci o non possono più ridursi. Che cos'è la cannabis terapeutica? In cosa consiste? Quali risultati o effetti dovremmo ottenere da esso? Queste sono tutte domande a cui cercheremo di rispondere di seguito.

Cannabis terapeutica, ancora vietata in alcuni paesi

   A differenza dei trenta paesi che hanno autorizzato l'uso della cannabis per scopi medici dall'inizio del 2019, molti paesi sono riluttanti a questa idea. Nel 1964, Raphaël Mechoulam, un chimico israeliano, riuscì a isolare il THC, il tetraidrocannabinolo, il principale composto psicoattivo nella pianta. Questa scoperta ha permesso di rilanciare l'interesse medico del prodotto nei laboratori internazionali. Diversi Stati americani, europei e altri paesi come Svizzera, Canada, Norvegia, Italia o altri hanno quindi iniziato tutti. Con esso, vogliono alleviare i sintomi di alcune malattie o gli effetti collaterali di vari trattamenti sui loro pazienti. I pazienti che l'hanno utilizzata riconoscono l'efficacia della cannabis terapeutica poiché ha cambiato e migliorato la propria vita.

Cos'è la cannabis medica

Cos'è la cannabis terapeutica!

   Ma cos'è la cannabis o la marijuana terapeutica? Non è niente di più o di meno della cannabis Sativa da cui si ottengono i fitocannabinoidi dedicati a un uso interamente medico. Citiamo THC e cannabidiolo o CBD , cannabinoidi vegetali e naturali , prescritti in particolare per le loro proprietà antiemetiche. Ciò significa che lavorano contro il vomito e la nausea, gli effetti collaterali di alcuni antidolorifici e la chemioterapia.

   La cannabis terapeutica è quindi destinata solo ai pazienti che soffrono di malattie gravi e il cui dolore non può essere alleviato dagli antidolorifici convenzionali. Questo è il motivo per cui il suo utilizzo è supervisionato da professionisti della salute. Ciò differisce dall'uso della cannabis per scopi ricreativi o di benessere. Quest'ultimo è usare prodotti a base di cannabinoidi per aiutare facilmente ad addormentarsi o rilassarsi.

L'origine della cannabis terapeutica e dei suoi componenti

   La cannabis terapeutica prende quindi le sue origini dall'uso della pianta allo stato naturale in ayuverda , una medicina tradizionale dell'India, ma che anche altri paesi praticano. È una medicina non convenzionale che si basa sull'unicità di ogni individuo nel trattare l'uomo nel suo insieme. Conoscendo la composizione della sua natura profonda, l'individuo può conoscere i suoi bisogni al fine di riequilibrare la sua salute, il suo umore, la sua dieta, ecc.

   Per prestare a questo uso, tuttavia, la coltivazione della cannabis deve seguire determinati standard, incluso l'uso di fertilizzanti naturali con il supplemento essenziale Cannabis Ayrveda Pack . Basato su 5 formulazioni completamente naturali , è composto da bioattivatori che possono essere utilizzati in aggiunta al programma di fertilizzazione convenzionale. Fornendo i nutrienti di cui ha bisogno, questo prodotto consente alla cannabis di fornire la quantità e la qualità dei cannabinoidi necessari per l'uso medico.

  • Il THC è il principale la cui proprietà psicoattiva consente di modificare le funzioni psicologiche e comportamentali dell'individuo, comprese sensazioni, percezioni, umore, coscienza, ecc. Oltre a rendere euforico, questo principio attivo riduce anche il dolore, dilata i bronchi, rilassa i muscoli e aumenta l'appetito. Riduce anche la febbre e la pressione oculare ed è un antiepilettico e antiemetico riconosciuto.
  • Il CBD o il cannabidiolo non hanno alcun effetto psicoattivo, tuttavia, possono anche annullare le proprietà psicoattive del THC se in una dose troppo elevata. Tuttavia, ha proprietà sedative, antinfiammatorie, antiepilettiche, ansiolitiche e antipsicotiche.

Questo è il motivo per cui sia il THC che il CBD sono utili nel ridurre i sintomi di alcune malattie gravi. Questo è anche il motivo per cui la vendita di alcuni farmaci a base di questi cannabinoidi è legale nei paesi summenzionati. Citiamo come esempio:

  • il Sativex,
  • Marinol,
  • Cesamet,
  • Epidolex.

Malattie trattate con cannabis terapeutica

Le malattie gravi trattate per il dolore con cannabis terapeutica sono:

  • tumori e infezioni da HIV / AIDS i cui sintomi includono nausea grave, anoressia, grave perdita di peso, forte dolore,
  • sclerosi multipla che si manifesta come spasmi muscolari persistenti,
  • epilessia che provoca convulsioni,
  • la forma grave di artrite che provoca forte dolore ...
  • ...

Possibili effetti collaterali della cannabis medica

   Tuttavia, sembra che questi cannabinoidi causino alcuni effetti indesiderati nei suoi utenti, la ragione del suo uso con parsimonia e sotto controllo medico. Questo può essere indipendenza, abuso o intossicazione che porta a disturbi d'ansia, depressione, schizofrenia e altri in alcuni consumatori sensibili.

   Ulteriori ricerche vengono quindi condotte al fine di non stigmatizzare ulteriormente la cannabis come responsabile soprattutto di quelli negativi. In effetti, non c'è nulla che confermi che la sensazione degli effetti benefici della cannabis potrebbe quindi causare problemi di salute mentale nel paziente. Ciò è valido sia per coloro che ne sono trattati, nel contesto terapeutico sia per coloro che lo consumano per scopi ricreativi o per il benessere generale.

Verso la legalizzazione della cannabis medica in tutto il mondo?

   In ogni caso, attendiamo pazientemente il ritorno dei pazienti che stanno partecipando a esperimenti in molti paesi. È lo stesso per i diversi possibili dosaggi che includeranno sicuramente i 2 ingredienti attivi della cannabis terapeutica. A seconda della malattia, al paziente verrà prescritto più THC o più CBD per giudicare la sua efficacia. Se, oltre all'effetto euforico della cannabis terapeutica, compaiono altri effetti spiacevoli, i pazienti informeranno immediatamente i loro medici. In tutti i casi, il dosaggio non è lo stesso nel contesto dell'uso ricreativo della cannabis. Chi lo sa, forse, i risultati renderebbero finalmente legale l'uso della cannabis a scopi terapeutici nel mondo? Nel frattempo, il suo uso ricreativo è autorizzato in molti paesi.

Wait and see !

Favio G.

Copyright Yukha

Tradotto dal testo originale in francese di Yukha

Unisciti a noi sui social media Facebook cinguettio Instagram Pinterest

Che cos'è la cannabis medica o la marijuana?

Commenti (0)

Nessun commento in questo momento.

Nuovo commento

Utilizziamo i cookie per analizzare la tua navigazione e migliorare i nostri servizi, ma anche per condividere contenuti sui social network.

Continuando la navigazione, si accetta il loro utilizzo. Per rifiutare, clicca qui Per accettare, clicca sul pulsante sottostante.